Storia di una trasformazione

Trovata! Dopo anni di ricerche nei mercatini  dell’usato, finalmente e un po’ casualmente, mi imbatto nella scrivania dei miei sogni.

Scrivania-pre

Lo stato non è male, certo qualche buco di tarme morte da tempo, i fondi di alcuni cassetti da rifare e il piano da sostituire, ma nel complesso la struttura è forte. Che fare? La restauro o la trasformo? Intanto la porto a casa, la posiziono nell’unico angolo libero della piccola sala e mi rendo conto…che è troppo grande! Mi metto quindi nell’ordine di idee di restaurarla, che è quello che mi piace fare, e rivenderla, che è quello che mi tocca fare.

Scrivania-prenuda

Comincio a scartavetrare e come succede con tutte le patine vecchie la vernice viene via facilmente rivelando un legno sano con un colore caldo che se trattassi con un impregnante neutro o una buona cera sarebbe già bello così.

Scrivania-pre-particolare

Per il piano opto per una lastra di mdf da trattare successivamente in contrasto e mi soffermo sulle maniglie…maniglie? Praticamente ci sono solo serrature, 8 per la precisione e ovviamente una sola chiave! Mi si manifestano due scenari: mi tengo la scrivania e metto in conto un vasto repertorio di turpiloqui ad ogni apertura di cassetto (metti la chiave, togli la chiave) oppure mi metto alla ricerca di nuove serrature complete di chiavi, procrastinando la fine dei lavori a data da definirsi.

Il bianco chiama

Il piano in mdf non mi soddisfa, i cassetti sono più conciati di quanto sembrassero inizialmente e le serrature sono un problema, quindi gli scrupoli su un’attento restauro in stile cominciano a sgretolarsi, i miei ambienti sono lo stile shabby – provenzale – liberty, considerando le dimensioni dell’oggetto, scialbare il tutto forse non è una cattiva idea. Il carico da undici lo mette il “nonno”, come tra amici viene chiamato mio marito. Da buon motociclista suggerisce un materiale da abbinare al legno che a me difficilmente sarebbe venuto in mente, l’acciaio. E dove lo trovo? Da un amico dell’amico di un amico ovviamente!

piano

Deciso allora: patina bianco avorio scialbato, piano in acciaio.

Scrivania-particolare-cassetti

E le maniglie? In acciaio naturalmente.

Scrivania-totale

Ed ecco l’idea creativa: Scrivania diplomatica in stile Tekno-shabby!

Articoli correlati

Restauri

Angoliera arte povera veneta anni ’60

Rovistando in solaio… Questa vecchia angoliera faceva parte dell’arredamento di casa nei miei primi anni di vita ed era situata all’ingresso insieme alla ribaltina dell’articolo precedente e conteneva medicinali! Acquistati all’epoca per viaggiare in coppia, Leggi tutto…